racconti-2
RACCONTI

Sala “Teatrino”

Sabato 11,00-11,30 Ivano Bruno Ci racconta la storia di una scuola sostenibile e l’esperienza di una dirigente “disubbidiente ministeriale”. Bambini che fanno gli orti scolastici in permacultura e mangiano pane e olio. Inoltre Ivano Bruno può raccontarci altre esperienze portate avanti nel territorio.
Sabato 11,30-12,00 Arcipelago Scec/Isola Lazio Ripartire da noi significa restituirci quel valore che l’uso del denaro ci ha tolto: non il denaro in sé, che è solo un oggetto, uno strumento neutro, nato per veicolare al meglio quanto sappiamo fare e dare (merci, servizi, beni), bensì l’uso che ne è sempre stato fatto, distorto e fuorviante. Per questo è nato lo ŠCEC.
Sabato 12,00-12,30 Piattaforma IO SNODO Piattaforma che mette in comunicazione produttori e consumatori sul territorio Abruzzese; presenteranno il loro network e condivideranno le esperienze e gli ideali per un economia più giusta.
Sabato 12,30-13,00 Pantasma La neonata associazione Pantasma racconterà cosa ha portato dei cittadini a trasferirsi in campagna per sviluppare un progetto di agricoltura sociale e sostenibile in un periodo storico in cui in tanti, nel nostro paese e non solo, vedono il ritorno alla terra come una possibilità per cambiare il mondo. Una fase, questa, in cui il tema dell’alimentazione e di come nutrire il pianeta viene sbandierato da chi finora il pianeta lo ha affamato!
Sabato 15,00-15,30 Emmaus Zagarolo La comunità accoglie a tempo indeterminato persone senza dimora e si sostiene grazie ad un mercatino dell’usato nel quale lavorano, da protagonisti, proprio le persone accolte che fino a poco tempo fa vivevano per strada.
Sabato 15,30-16,00 Barikamà Associazione di Promozione Sociale e la Cooperativa Sociale Barikamà, che in lingua Bambara’ significa Resistente. Portano avanti un progetto di micro-reddito nato nel Marzo 2011 che consiste nell’ inserimento sociale attraverso la produzione e vendita di yogurt ed ortaggi biologici.
Sabato 16,00-16,30 Compriamo cultura il progetto riguarda la creazione di una rete tra gruppi di acquisto, che si chiama “Compriamo cultura”, per poter acquistare spettacoli di alto valore sociale che faticano ad andare nei circuiti ufficiali perché trattano argomenti spinosi e/o lontani dalle logiche commerciali.
Sabato 17,00-18,00   Teatrino per La memoria dell’asino (V. anche Spettacoli)
Sabato 18,00-18,30 Museo Relazionale – https://museorelazionale.wordpress.com
sabato 18,30-19,00 Comitato Solidale Antirazzista di Zagarolo e Dintorni È un comitato cittadino impegnato nella solidarietà e nell’antirazzismo, che svolge attività sociali non a fini di lucro.
Domenica 11,00-11,30 Alveare che dice sì Un progetto che ha l’obiettivo di accorciare la filiera alimentare mettendo direttamente in contatto i produttori locali con i consumatori attraverso una piattaforma online.
Domenica 11,30-12,00 Rita Carlacci Presentazione del libro “La rivoluzione dell’Orto Verdone”. Libro sull’alimentazione, operetta in rima musicata dal Maestro Cangiano del Teatro dell’Opera, illustrata e molto divertente.
Domenica 12,00-12,30 Resilienze È un’associazione informale (www.resilienze.info). Sta facendo orti sinergici, economia locale, resilienza, permacultura sul territorio del Lazio.
Domenica 12,30-13,00 Pedalando Coast to Coast esperienza di vacanza in bicicletta per l’Italia
Domenica 15,00-15,30 G.A.S. Gasteju L’esperienza di Gas da 10 anni almeno li ha fatti partecipare e realizzare diverse iniziative di autoproduzione; sono a Castelmadama ed in relazione con un altro G.A.S. di Tivoli, nonché con piccoli produttori del territorio. Hanno cercato di realizzare una piccola rete che guarda ad un progetto unitario di Distretto di Economia Solidale.
Domenica 16,00-16,30 BAOBAB Centro di prima accoglienza per migranti in transito autogestito dai migranti stessi e interamente basato sulla solidarietà ed il volontariato.
Domenica 16,30-17,00 NOSPRECO Progetto nosprecoalimentare invendutosolidale: riduzione degli sprechi attraverso la raccolta dell’invenduto alimentare.
Domenica 17,30-18,00 Claudio Auriemma E’ uscito il nuovo libro di Antonio Valenzi, “Golden standard”. E’ un romanzo ma i romanzi di Antonio sono molto vicini alla realtà. Parla dei paesi BRIC corsi alla ricerca di oro mentre la nostra economia puntava sulla finanza da computer. Risorse vere contro risorse fittizie. Si crea una nuova guerra fredda e un nuovo assetto geopolitico del pianeta e dell’Europa. Ne possiamo parlare con l’autore del libro, Antonio Valenzi e Franz Gustincich, giornalista, esperto di geopolitica e dell’area balcanica autore di vari libri sui corridoi internazionali e consigliere redazionale di Limes, rivista italiana di geopolitica del gruppo L’Espresso.